Cerca:
Ase risponde Bacheca News Link utili Area riservata
 
Home
Pubblicazioni ASE
Documentazione
Convegni, seminari e corsi di ASE
Formazione lavoratori
Tavolo tecnico ASE-AUSL-DPL
RLS / RLST - Rappresentante Lavoratori per la Sicurezza


 
ADEMPIMENTI SICUREZZA SETTORE COSTRUZIONI EDILI

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

A BREVE NELLA SEZIONE " Adempimenti d'impresa tecnico/amministrativi " SARA' INSERITA UNA GUIDA CON TUTTI GLI OBBLIGHI E LA RELATIVA MODULISTICA DERIVANTI DAL D.LGS. 81/2008

In questa pagina sono riportati gli adempimenti di carattere generale derivanti dall'applicazione dell'ex D.Lgs 626/94.


IL D.LGS 626/94
Il decreto e' il recepimento di direttive europee riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro.
Il D.Lgs 626/94 deve essere applicato da tutti i datori di lavoro indipendentemente dal numero di dipendenti; sono equiparati ai dipendenti i soci lavoratori di cooperative o di società anche di fatto. Il D.Lgs 626/94, non si applica esclusivamente ai lavoratori autonomi (senza dipendenti ne soci)
Il Decreto non introduce particolari novita' tecniche alla normativa vigente che rimane in vigore salvo i casi di espresse o tacita abrogazione, ma impone invece un cambiamento della filosofia della sicurezza in azienda con un ampliamento delle responsabilità a monte del ciclo produttivo ed in particolare al ciclo del costruire.
Il D.Lgs 626/94 deve essere l'occasione, per l'azienda, prendendo spunto dalla valutazione dei rischi per evidenziare e sanare tutti le infrazioni normative presenti.

Il decreto legislativo 626/94 individua in capo a diverse figure aziendali e non degli obblighi per la sicurezza.
Il datore di lavoro: E' la persona titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore e che ha la responsabilità di impresa.
Il lavoratore: E' la persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro. Sono equiparati i soci lavoratori di cooperative e di società, anche di fatto.
Il servizio di prevenzione e protezione (SPP): ha la funzione di collaborare con il datore di lavoro al fine di consigliarlo sulle azioni da intraprendere per promuovere e mantenere la sicurezza in impresa. Il datore di lavoro deve nominare gli addetti al servizio e il responsabile del servizio, che deve possedere capacita' adeguate. Le dimensioni del SPP dovra' essere commisurata a quelle dell'impresa, e potrà essere sia interno che esterno all'impresa, in questo ultimo caso l'incarico sarà espletato da persone competenti con funzioni di consulenti.Il servizio di prevenzione e protezione provvede a:
* effettuare la valutazione dei rischi individuando le misure di sicurezza
* elaborare le procedure di sicurezza
* elaborare e proporre programmi di informazione e formazione per la sicurezza ai lavoratori
Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: La persona, ovvero persone, elette o designate per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro.
Il medico competente: E' un medico con specializzazione in medicina del lavoro o titoli equivalenti Dovra' essere nominato ( con documentazione scritta) dalle aziende che svolgono lavorazioni tali per cui la normativa vigente prevede un obbligo di sottoporre i dipendenti ad accertamenti sanitari periodici.

I principali obblighi introdotti dal D.Lgs 626/94
La valutazione dei rischi
L'art. 4 del D.Lgs 626/94 dispone che:
"Il datore di lavoro deve valutare nella scelta delle attrezzature di lavoro delle sostanze o dei preparati chimici impiegati , nonché nelle sistemazioni dei luoghi di lavoro i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari.

L'informazione
Viene considerata un elemento strategico di prevenzione, che però deve essere data a soggetti precedentemente formati alla sicurezza. (art. 21)

La formazione
La formazione è uno degli strumenti che il decreto prevede come misura indispensabile per la prevenzione riduzione del rischio presente nell'attività lavorativa. (art. 22)
Il datore di lavoro, i dirigenti ed i preposti, nell'ambito delle rispettive competenze, devono assicurare che ciascun lavoratore riceva un'adeguata formazione in materia di sicurezza e salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni. 
  • Formazione obbligatoria RSPP/ASPP (in allegato l'accordo STATO-REGIONI-PROVINCIE)

scarica il pdfAccordo Formazione RSPP e ASPP

Torna indietro
   
Associazione per la Sicurezza in Edilizia A.S.E. - CPT di Reggio Emilia
Via del Chionso 22/A - 42122 Reggio Emilia (RE) - C.F. 91085760352 - P.I. 01904970355